Le mie 10 dita presentano...

Aller au contenu | Aller au menu | Aller à la recherche

Giovedì 30 Agosto 2007

30 aout 2008

Dans un an jour pour jour, j’entrerai dans une petite église auvergnate dans une belle robe blanche et, toute émue, je découvrirai la foule d’amis et la famille qui m’entoureront. Mon futur mari sera là aussi, vêtu d’un magnifique costume… Fini de rêver ! Il reste tant de préparatifs à faire à distance. Tant de bons moments à passer, quand le choix entre un papier crème et champagne pour les faire-part sera notre gros dilemme du moment, quand nous saliverons ne sachant pas choisir entre … ou …. Peut-être y aura-t-il aussi des prises de tête ou un prestataire qui nous lâchera sans raison.

Mais aujourd’hui nous savons que cette prochaine année sera aussi une année de combat, de combat contre la maladie d’un petit bonhomme de 7 ans, mon cousin, et de sa famille. Aujourd’hui j’ai compris que ça n’arrive pas qu’aux autres et qu’il faut d’autant plus profiter de chaque moments et de ces petits plaisirs que la vie nous offre chaque jour. La vie est belle, profitons-en ! Et j’envoie plein d’énergie et de bisous au courageux Paul !

Venerdì 24 Agosto 2007

La sfida di Alwen

Sulla blogosfera francese, ci sono molte catene – questionari, però non ne ho visto tante in Italia, vero? Il principio ? Spesso si tratta di un questionario da compilare sul suo blog, che permette ai lettori di scoprire l'autore. Alla fine, si invita altri amici - blogger a rispondere sul loro blog, e cosi via...

Alwen mi ha proposto il challenge seguente: dire 7 verità su di se e far passare la sfida a 7 persone. C'est parti!

  1. Ho avuto la fortuna di andare in 17 paesi del mondo su 3,5 continenti diversi (sì, Istanbul è in Europa o in Asia ?). Mi piace viaggiare, anche ai miei ed al mio amore. E non mi piacere rimanere su una spiaggia tutta la giornata. Allora ecco l'elenco, più o meno in ordine di scoperta: Francia, Belgio, Spania, Regno Unito, Paesi Bassi, Lussemburgo, Germania, Austria, Italia, Turchia, Egitto, Monaco (il principato), Canada, Stati Uniti, Repubblica Ceca, Norvegia e da poco il Vaticano.
  2. Mi sposo l'anno prossimo: il 30 agosto 2008. L'anno scorso il mio ragazzo mi ha ufficialmente chiesto se volessi sposarlo, ho accettato e mi ha regalato un anello. Da questo momento, siamo stati "fiancés", cioè promessi sposi. Abbiamo scelto il posto della cerimonia: nel centro della Francia, nelle parti del mio fidanzato.
  3. Amo molto il cioccolato, ma solo il cioccolato fondente, il migliore, il puro senza latte, gianduia o altre cose che deteriorano il gusto. Quindi niente Nutella a casa mia! Il mio cioccolato preferito è il Lint 70% di cacao. Mi piacciono anche i dolci al cioccolato, la frutta ricoperta di cioccolato sciolto, etc.
  4. I love chocolate
    Fonte: rcvernors

  5. Il viaggio dei miei sogni sarebbe di fare un trekking nelle montagne Rocciose del Canada.
  6. Lavori Moraine Lake, Rocciose, Canada
    Fonte: Jimbo1239

  7. Non sono perfetta, nel caso ne avessi il dubbio! Ho degli occhi azzurri che non vedono gran che (ho una miopia e astigmatismo), ho qualche varice (e ho solo 25 anni!) e dei piedi storti (devo portare delle solette ortopediche)... e basta penso!
  8. Odio telefonare! Ho avuto il mio primo telefonino nel 2003, quando tutti i miei amici ne avevano uno da 3 anni. Però era spesso spento. Se non aspetto una chiamata, non vale la pena di lasciarlo acceso, no? Quando sono arrivata in Italia, sono stata sorpresa: il cellulare è ovunque (dovrei dire i cellulari), perché non per persona non basta! Adesso mi sforzo di essere sociale, quindi di avere il mio telefonino non troppo lontano di me... Non rispondere ad una chiamata o non richiamare, è considerato come un'offesa qui... non l'ho capito subito!
  9. Cellphone addiction
    Fonte: beelama

  10. Sapete perché il mio sito si chiama Triopasta? Stavo cercando un nome per il mio primo blog, un blog scritto in 3 lingue. Quindi avevo bisogno di un nome facile da leggere e pronunciare in italiano, francese ed inglese, un nome che mi rappresentava pure. Che cosa mi piace? Il cioccolato e i dolci, la cucina italiana e la pasta sintetica, cioè 3 tipi di pasta. Così mi è venuto l'idea di Triopasta.

7 persone a chi passare questo questionario? Allora, se vi piace l'idea, invio il questionario a:

Mercoledì 22 Agosto 2007

Tortino ai peperoni e alla ricotta

Oggi vorrei condividere con voi una ricetta d'estate. I prodotti sono italiani, ma so se è un tipo di piatto che mangiate spesso. L’ho chiamato il tortino verde, bianco, rosso.

Tortino ai peperoni e alla ricotta

Ingredienti:
  • 1 grosso peperone rosso,
  • 1 uovo,
  • 250g di ricotta fresca,
  • un mazzetto di cipollina,
  • 2 cucchiai di pesto,
  • 2 pomodori,
  • sale, pepe.
Preparazione:
  • Il rosso - Pulire il peperone, tagliarlo in 2 e togliere i semi. Metterlo in un tegame sotto il grill del forno per circa 10 minuti. La pela del peperone può annerire, non è un problema. Mettere il peperone in una bustina di congelazione chiusa e lasciarlo sudare. Quando la bustina è piena di condensazione, togliere il peperone e la pela si toglierà facilmente!
  • Il bianco - Battere l’uovo alla forchetta, aggiungere la ricotta, la cipollina tritata, il sale e pepe.
  • Il verde - Per fare un pesto, tritare il basilico, l’olio ed i pinoli.
  • Nelle formine per muffin anti-adesive, mettere una striscia di peperone e lasciarla sorpassare sui bordi. Ricoprire di un cucchiaino di pesto, della metà dell’impasto bianco alla ricotta, delle rondelle di pomodori e infine il resto della ricotta. Chiudere con la striscia di peperone. Infornare nel forno preriscaldato a 180°C e lasciare cuocere durante 30-40 minuti. Lasciare raffreddare. Togliere dallo stampo e servire con un’insalata o della rucola.

Lunedì 6 Agosto 2007

Organizzata o incasinata?

Laboratorio di fabbricazione

Oggi vi mostro il mio laboratorio di fabbricazione! Infatti non ho la fortuna di avere un posto dedicato dal fai-da-te, allora ecco la tavola della cucina… in modo creazione in corso. Vedrete che non ho acquistato nessun materiale tecnico dedicato alla modellazione.

Il mio laboratorio di bijou

Il mio piano di lavoro è una vecchia rivista ricoperta di un foglia di carta da forno. La rivista protegge il tavolo contro i colpi di taglierino e la carta da forno è pratica. L'ideale sarebbe un supporto liscio e non poroso che si lavora facilmente, come per esempio una piastrella di vetro, di marmo o di pietra.

Il mio laboratorio di bijou

I due strumenti indispensabili secondo me sono il rullo ed il taglierino, rispettabilmente per stendere e tagliare la pasta. Il rullo deve avere le stesse proprietà del piano di lavoro: plastica o vetro sono i più facili da trovare (Il matterello di legno non va bene! La pasta si appiccicherebbe troppo!). Io utilizzo una saliera di vetro… che non mi serve più. Per tagliare la pasta sintetica mi servono una lama acutissima per tagliare delle sfoglie di murrine per esempio e un taglierino con una lama più vecchia per il resto.

Ordinare il suo materiale & Conservare i panetti di pasta

Il mio laboratorio di bijou

Per ordinare il materiale, utilizzo scatole di plastica che recupero: scatole di gelato, di mascarpone, di ricotta o anche barattolo di yogurt. La pasta sintetica si conserva molto tempo, però bisogna prendere qualche precauzione. Non mettere la pasta in contatto con la plastica. Infatti alcuni tipi di plastica vanno bene, come la confezione di origine ; mentre altri fanno sciogliere la pasta, come film trasparente alimentare o bicchieri di plastica. Tenere la pasta fuori della luce. Per quanto riguarda le canne o i rotoloni di murrine, si conservano anche benissimo. Per non rischiare di sformarli con il calore della casa che abbiamo spesso qui nel Sud, li tengo nel frigorifero… i lavori in corso non ancora cotti, pure.

Il mio laboratorio di bijou

E voi? Siete iper-organizzate, con cassetti per ogni colore di pasta, scatole a compartimenti per le perline, ecc?

Sabato 4 Agosto 2007

La pazienza

Ecco! Sono in ferie! Per quanto riguarda il tema di questo blog, ecco 3 nuovi bijou creati da me con la pasta sintetica, nelle tonalità del turchese, rosa e melanzana.

Collana Misteri Lietissimi

La collana Misteri Lietissimi è un modello inizialmente creato per Alwen nei colori blu e rosa chiaro. Qui ecco una versione con dei colori un pochino diversi.

Collana Profumo d'estate

La collana Parfum d'été, profumo d'estate, è ispirato di Foresta lietissima che ho fatto prima. Sempre con i colori nuovi.

Collana Matisse

Dopo la fabbricazione delle 2 collane precedente, mi sono rimasti dei pezzi di canna fiore e spirale. Allora ho provato una tecnica che non avevo mai osato testato. Ed ecco la collana Matisse. Ognuno dei 3 ciondoli è formato di 2 pezzi collegato con un filo di cotone rosa. Il tutto è infilato su un filo di caucciù. Adoro! Sto esitando a tenerlo per me o di metterlo nella mia bottega.