Le mie 10 dita presentano...

Aller au contenu | Aller au menu | Aller à la recherche

Sabato 22 Novembre 2008

GRAZIE !

Bye Bye Italia. Grazie di cuore a tutti per le vostre visite sul mio blog ed i vostri commenti

Italia

Ciao Ciao Australia. Per chi vuole continuare ad avere della notizie, segnalate la mia pagina personale: http://triopasta25.free.fr. Fai un clic sul celebre opera di Sydey per essere aggiornata sul mio viaggio.

Australia

Domenica 9 Novembre 2008

Candele fai-da-te

Per la prima volta, mi sono divertita a creare delle candele. Le mie ricerche su internet, mi hanno dato l'impressione che l'impresa era un po' complicata. Ma che belle sorpresa: niente di più facile (... almeno per delle candele semplici!) per un effetto riuscito. Quindi il mio test è stato un successo e con il mio Amoureux ci siamo divertiti a realizzare delle candele-arance per decorare le tavole della sala di ricevimento del nostro matrimonio.

Candele fai-da-te

La tecnica di base è semplice: si compra delle gocce di cera bianca, di può aggiunge un colorante per ottenere una candela colorata, si fa sciogliere tutto al bagno-Maria, si versa la cera liquida nel recipiente scelto (vassoi di vetro per esempio o metà di arancia svuotata per noi) senza dimenticare di inserire un stoppino!

Candele fai-da-te

Mi rimane un po' di materiale, se qualcuno è interessato a tentare l'esperienza della candele fai-da-te, propongo il materiale seguente [Edit del 08/12/08 - troppo tardi, non è più disponibile niente]:

Candele fai-da-te

  • Cera da sciogliere (perle bianche)
  • Cera da sciogliere (misto bianco e arancio)
  • Stoppini cerati per candele (n.4 da 12 cm e n.12 da 7 cm di lunghezza)
  • Colori concentrati per cera, ogni pasticca permette di colorare 500g di cera (n.1 rosso, n.1 blu, n. 1 verde, n.1 nero, n. 1/2 arancio)

Vedi anche qui le altre cose che sto vendendo prima del mio trasloco.

Domenica 2 Novembre 2008

I Ch'ti arrivono in Italia

http://www.bienvenuechezleschtis-lefilm.com/La prima volta che ho sentito in tv la pubblicità per il film Giù al Nord sono stata molto sorpresa che la versione italiana sia già pronta! E poi ho visto che il film era già uscito in Italia dal 31 ottobre.

Lo conoscete? E' un film francese che ha avuto un grandissimo - ed inaspettato - successo in Francia a marzo. Mi tiene a cuore di parlarnevi perché il film è ambientato nella mia regione : il Nord-pas-de-Calais al Nord della Francia. Questa regione è mal conosciuta dai francesi: tutti vanno in vacanza nel Sud, ma mai nel Nord ! Invece si trovano soprattutto turisti olandesi ed inglesi. La mia regione è reputata per la sua pioggia, il mare verde-marrone, le sue vecchie miniere di carbone o ancora il alto tasso di alcolici. Ma sono clichè e pregiudizi diffusi dalla gente del Sud !

La mia regione è anche culturalmente ricca, non ci abbronziamo sulla spiaggia ma abbiamo altre attività come speedsail o aquilone, si mangia bene, sappiamo fare la festa, ci sono molti giovani e quindi è una regione dinamica. Ma tutto questo, non lo sanno quelli che vivono a Parigi e giù !

In sintesi il film Bienvenue chez les Ch'ti in francese è una commedia semplice e autentica, così come sono le nostre valori. Milioni di francesi hanno visto al cinema questo film che ha superato La grande vadrouille (una mitica commedia francese del 1966 con il celebro duo di attori Louis De Funès e Bourville) in termine di incassi ed è attualmente al secondo posto del box-office francese di tutti i tempi (in prima posizione c'è il Titanic). Il successo di Bienvenue chez les Ch'ti è stato una sorpresa per tutti, anche per il realizzatore Dany Boon (più conosciuto per i suoi one-man show).

Ho visto la versione francese e mi è piaciuta, si ride molto. Ma secondo me è un film franco-français, cioè molte scene sono comiche a causa di battute tra il francese ed il dialetto Ch'ti che si usa dei paesini del Nord-pas-de-Calais. Quindi non so come hanno potuto tradurre il film senza rovinare il suo spirito...

Però devo dire che la traduzione del film è ben trovata ! Il italiano, la traduzione sarebbe stata "Benvenuto al paese dei Ch'ti", ma nessuno in Italia sa che il Ch'ti è il nome dei abitanti del Nord-pas-de-Calais e del loro dialetto. Invece hanno fatto il paragono con la situazione rovesce dell'Italia : per capire il film Giù al Nord, dovete immaginare che il Nord è povero e il Mezzogiorno ricco, però il tempo è comunque più bello al Sud che al Nord !

Se l'avete visto, sarei curiosa di aver il vostre parere.