Le mie 10 dita presentano...

Aller au contenu | Aller au menu | Aller à la recherche

Giovedì 31 Luglio 2008

Film d'animazione in pasta modellabile

From: Jack Skeletron
To: jujuly25
Subject: Film d'animazione in pasta modellabile
Date: Thu, 31 Jul 2008

Salve jujuly,

innanzitutto complimenti per il sito e le tue creazioni, sono davvero ben fatte e sembrano essere uscite da un negozio di gioielli.

Sono un ragazzo di 18 anni e di modellazione sia digitale che (diciamo) artigianale, me la cavo molto bene. Per questo ho deciso di creare un cortometraggio in “Stop Motion” (stessa tecnica delle avventure di Wallace & Gromit o del film “The Nightmare Before Christmas”.

Dovrei realizzare dei personaggi in pasta modellabile che si posso deformare (per esempio, piegare un braccio) senza rompersi. Sai indicarmi materiali con cui sia possibile avere questo risultato?

Cordiali Saluti,

Jack Skeletron ;-)

Ciao Jack,

Ho appena conosciuto la tecnica del Stop Motion ieri, quando il mio cugino di 12 anni, mi ha mostrato i filmati da lui realizzati.

Per quanto riguarda questa tecnica d’animazione, potresti utilizzare la pasta sintetica senza cuocerla. Perché una volta cotta, diventa dura e non potresti più far piegare un dito al tuo personaggio! Quindi credo che potresti modellare i tuoi personaggi con un’armatura in filo metallico e utilizzarli così per le tue animazioni. Ovviamente, ci sarebbe qualche precauzioni da prendere. Mi viene in mente le seguenti:

  • manipolare il personaggio con guanti per non lasciare impronte digitali,
  • conservarlo su un foglio di carta al forno (ma mai al contatto di carta normale perché assorbisce l'"olio" della pasta sintetica e mai al contatto di oggetti in plastica perché "scoglie" la pasta sintetica),
  • conservarlo a temperatura non troppo calda, altrimenti la pasta diventa morbida e si sformerà il personaggio.

Spero che ti saranno utili queste informazioni e spero di vedere presto i tuoi lavori,

A presto,

Juliette

Martedì 29 Luglio 2008

Foratura Perline, Mani Calde & co

To: jujuly25
From: dragonfly
Subject: Foratura Perline
Date: Tue, 29 Jul 2008

Cara jujuly25,
... tanto per iniziare volevo farti i miei complimenti. Io sono una studenti in architettura e da un po’ ho cominciato a giocare col Cernit. Volevo chiederti come faccio a fare i fori nelle perline in pasta sintetica, dato che quando ci provo le perle si deformano?
Ti ringrazio anticipatamente e spero di ricevere quanto prima i tuoi consigli.
Dragonfly

Cara dragonfly,

Grazie per i tuoi complimenti. Per i fori, potresti mettere la pasta sintetica in frigorifero (ma mai in contatto con il cibo!!!), prima di fare il fori. Così diventa meno appiccicosa ed è più facile per imbucare le perline.

Lo stesso tipo di tecnica può essere utile per l’inserimento dei gancetti metallici all’interno della pasta. Tra l’altro, Fede, una lettrice del blog, mi scrisse:

"Il mio problema più grande fino ad ora riguardava l’inserimento dei gancetti metallici all’interno della pasta e la foratura delle perline… beh, ho scoperto che è sufficiente congelare gli oggetti creati per una decina di minuti, e naturalmente cospargere sulle mani con un poco di borotalco, per evitare che a contatto col calore la pasta si deformi."

Ecco, spero di averti aiutata…

A presto,

Juliette

Venerdì 28 Marzo 2008

Fimo bianco o trasparente?

To: jujuly25
From: Ale
Subject: Fimo bianco o trasparente?
Date: Fri, 28 Mar 2008

Buongiorno Juliette!
Facendo delle ricerche in internet, ho trovato il tuo sito :)
Dall'entusiasmo, sabato pomeriggio sono corsa in un negozio di bricolage per comprare dei panettini...
Purtroppo mi sono accorta che il bianco 014 non è "classic" come gli altri panetti, ma è classificato "effect - transparent"
... che significa?
Ti ringrazio anticipatamente,
Ale

Ciao Ale,
La pasta trasparente non è trasparente come il vetro. E' solo traslucida, cioè lascia passare la luce.
Usata così non è molto bella perché non è bianca bianca ma un po' più spenta / grigia / triste. Però il trasparente è una pasta precioza per alcune tecniche: per dare profondita ai Mokume Gane o per lo sfondo delle murrine al fine di applicarle su qualsiasi colore...
Spero di averti aiutata,
jujuly25

Martedì 22 Gennaio 2008

Software di disegno e foto

From: una lettrice
To: jujuly25
Subject: Spiegazioni per creare composizioni di foto
Date: Sun, 16 Jan 2008 00:14:47 +0100

Ciao jujuly, Scusami se ti rubo del tempo prezioso, ma ti sarei tanto grata se mi riuscissi a spiegare come fai a creare le tue foto personalizzate, queste composizioni inserendo immagini e scritte. Usi qualche programma in particolare? E' facile da recuperare? E da usare? Ti ringrazio! Una lettrice

photoshop

Ciao Lettrice,

Per le composizioni di foto, io uso il software Adobe Photoshop: è un software di ritocco e montaggio di foto, abbastanza semplice ed intuitivo per le funzioni di base. Il suo concorrente è Paint Shop Pro che funziona bene (ma lo trovo un pochino meno facile da usare). Photoshop, così come il suo concorrente Paintshop Pro, non sono software liberi, ma sono a pagamento. Ma se non ce li hai già sul computer, so che esiste anche altri gratuiti ma li conosco meno, come:

  • Picasa;
  • Gimp (forse un po' più complicato da usare);
  • Picnik.

Altrimenti per aggiungere elementi decorativi, come fiori, spille, tag, ecc dovresti informarti sulla tecnica del digiscrap o scrapbooking digitale. Avevo accennato la cosa sul mio blog lo scorso marzo (vedi qui). Esistono tanti siti (inglesi e spagnoli, tra l’altro) per scaricare carte, nastri, fermagli, etichette, ecc… da aggiungere alle foto.

Spero di averti aiutato,

jujuly25