Le mie 10 dita presentano...

Aller au contenu | Aller au menu | Aller à la recherche

Domenica 11 Maggio 2008

La tecnica del swirl in pasta Fimo / Cernit

Hai già sentito parlare di questo nome strano "swirl"... e non sai che cos'è ? "Swirl" è una parola inglese per designare i movimenti circolari, cioè i mulinelli. Non sono una specialista dei swirl. Non mi riescono bene... Ma ti do comunque la tecnica di base. Poi vedrai che esistono tante varianti !

Materiale:

  • Pasta sintetica di 2 colori contrastati (rosa e azzurro per esempio)
  • Un pezzo di vetro o plastica trasparente (qui ho usato la scatola di un CD)

Cliccando sulla prima immagine, si può vedere un diaporama di tutte le foto. Fai un clic sulla destra di ogni foto per passare alla seguente... a sinistra per la precedente!

Lavora i 2 pezzi di pasta sintetica affinché diventi elastica e morbida e poi forma una pallina. Appoggia i 2 pezzi uno accanto all'altro. Forma una pallina.

La tecnica del swirl in pasta Fimo / Cernit

Ecco l'operazione delicata! Tieni il pezzo di vetro / plastica trasparente ben orizzontalmente (quindi parallelo al piano di lavoro) sopra la pallina. Fai dei cerchi con il vetro / plastica sempre nello stesso senso (senso orario per esempio). Attenti: non girare il vetro su se stesso... ma formare dei cerchi!

La tecnica del swirl in pasta Fimo / Cernit

Gira, gira, gira, fino a quando il risultato ti piace. Si può regolare la pressione delle mani sul lavoro per far variare la formazione della spirale.

La tecnica del swirl in pasta Fimo / Cernit

Vedrai che la pallina prende la forma di una trottola e che si forma un disegno di spirale. Ma non cambiare mai il senzo di rotazione.

La tecnica del swirl in pasta Fimo / Cernit

Alcune opzioni possibili:

  • aggiunta di pigmenti in polvere
  • inizio con un pezzo di murrina, invece delle 2 palline
  • aggiunta di un terzo colore
  • ... o ancora la creazione di un effetto strass con l'incisione di puntini con il punteruolo che sono poi riempiti col colore acrilico dopo la cottura (segreto svelato da Didi-Archidee su Flickr)

Ecco alcuni esempi di swirl creati da varie artisti presenti su Flickr: Didi-Archidee (alto sinistra), Roser Capdevila (alto destra), Creative Spirit (basso sinistra) e Chickie Girl Creations (basso destra).

La tecnica del swirl in pasta Fimo / Cernit

Per saperne di più: dovresti assolutamente dare un'occhiata al tutorial sul sito "Desiree's Desired Creations" intitolato "Lentil Swirled Beads via the plated bicone bead method". E' tutto in inglese, ma le foto valgono la pena di cliccare ! (traduzione in francese sul sito Parole de Pâte)

Sabato 10 Maggio 2008

Montaggio di perline su orecchini

Livello: facile

Materiale:

Montaggio di orecchini

  • perline (qui ho usato mini-ciambelle create in pasta sintetica)
  • 2 monachelle argentate per orecchini
  • 2 chiodi a T di circa 8 mm di lunghezza, colore argentato
  • 2 pinze a punte piatte

Esecuzione:

Clicando sulla prima immagine, si può vedere un diaporama di tutte le foto. Fai un clic sulla destra di ogni foto per passare alla seguente... a sinistra per la precedente!

Infila il chiodo nella perlina (una ciambella in pasta sintetica nel mio esempio).

Montaggio di orecchini

Piega il chiodo a 90°, il più vicino possibile della perline per bloccarla. Per questa tappa, puoi utilizzare una pinza o solo le tue mani, perché il filo metallico è abbastanza morbido.

Montaggio di orecchini

Forma un'asola con una pinza.

Montaggio di orecchini

Piega di nuovo il chiodo a 90° per formare un omega (ω).

Montaggio di orecchini

Passa l'anello della monachella nell'asola, prima di richiuderla.

Montaggio di orecchini

Svolgi il filo metallico che rimane intorno all'asola. Sarà necessario utilizzare le 2 pinze: stringi l'asola con la prima pinza per tenere l'orecchino fermo ; prendi l'estremità del chiodo con la seconda pinza e gira intorno all'asola.

Montaggio di orecchini

E ricomincia con il secondo orecchino (l'asola deve essere della stessa dimensione, altrimenti gli 2 orecchini non saranno di uguale lunghezza).

Montaggio di orecchini

Consigli per gli acquisti:

Le pinze sono state comprate in un negozio di bricolage o in supermercato.

La minuteria per bigiotteria viene dalla Galleria Belle Arti di Caiulo Salvatore a Lecce o dal negozio online Tiger Bazar. Le marche più diffuse nei punti vendita sono la Rayer, Mariane Hobby, Gutermann, ecc.

Se non trovi i chiodini a T, puoi usare anche perni / spille / aghi con gancio. Altrimenti prendi semplicemente un pezzo di filo metallico colore argentato di lunghezza circa 15 cm e piegalo a 90° a qualche millimetro di un'estremità per bloccare le perle che infilerai.

Domenica 24 Febbraio 2008

Hidden Magic, Magico nascosto

Ecco una tecnica ispirata dalla lezione di Trukabul, una bravissima artista francese. Sembra che sia infatti Jennifer Patterson l'inventatrice di questa tecnica chiamata Hidden Magic.

Hidden Magic

Ingredienti:

  • circa 1/4 di panetto di ognuno dei colori seguenti: turchese, blu, giallo, arancione, nero,
  • taglierino,
  • matterello,
  • piastrina con tessitura apposta per improntare la pasta o vari strumenti trovati in casa (stuzzicadenti, lama di taglierino, coltello di plastica, tappo di dentifrice, vecchia grattugia, pennello, ecc),
  • vernice & pennello,
  • minuteria e fili per bigiotteria,
  • forno,
  • 2 mani pazienti e creative.

Clicando sulla prima immagine, si può vedere un diaporama di tutte le foto. Fai un clic sulla destra di ogni foto per passare alla seguente... a sinistra per la precedente!

Hidden Magic

La prima tappa consiste ad ottenere 3 rotollini colorati ed arrotolati di uno strato di pasta nera. Io ho scelto di fare:

Hidden Magic

  • uno sfumato dal turchese al centro fino al blu all’esterno (1),
  • uno sfumato dal giallo all’arancione (2),
  • uno sfumato dal turchese all’arancione (3).

Hidden Magic

Hidden Magic

Pinzare i rotoli tra l’indice ed il pollice delle 2 mani, per ottenere delle lunghe sbarre rettangolari. Ogni sbarra si va tagliato in tre parti uguali. Formare un cubetto, allineando le sbarre (1), (2) e (3) e sopra le (2), (3) e (1) e ancora sopra le (3), (1) e (2).

Hidden Magic

Premere per far aderire tutto ed eliminare i buchi d’aria.

Hidden Magic Hidden Magic

Mettere un cubetto su uno spigolo e appiattire con il matterello, fino ad ottenere una piastra di circa 3 mm di spessore.

Hidden Magic

Fare delle impronte nella pasta nera così ottenuta, usando delle piastrine apposte o vari strumenti trovati in casa.

Hidden Magic Hidden magic

Con una lama nuova di taglierino, tagliare delle sottili fettine di pasta orizzontalmente. Il colore di sotto appare piano piano.

Hidden Magic

Si può allora usare sia le fettine per ricoprire perline di pasta sintetica nero...

Hidden Magic

...sia la piastra di pasta da tagliare della forma del ciondolino desiderato.

Hidden Magic

Come al solito, gli oggettini vanno cotti e lucidati prima di essere montati come bijou!

Giovedì 6 Dicembre 2007

Confezione regalo fatto a mano

Vi ricordate il mio messaggio dell'anno scorso con il link verso un tutorial per creare una scatola per bijou? No? E' un’idea utile all'approcio del periodo natalizio ! Ecco tutte le spiegazioni per realizzare questa confezione regalo.

Scatola per bijou in origami Scatola per bijou in origami

Ho provato di fare questa scatola originale, l'anno scorso, per dei gioielli per Natale. In forma di fiore, si apre e si richiude facilmente ! Ho trovato le spiegazioni su un sito francese di scrapbooking.

Copiare il modello su un foglio di cartoncino (clicca sul disegno che trovi sul sito per aggrandirlo). Tagliare con dei forbici sulle line piene e piegare il cartoncino (aiutarsi di un vecchia penna senza inchiostro). Decorare la scatola. Incollare la parte “A” sotto la “a” per formare i lati della scatola. Poi incollare “B” sotto “b” etc per chiudere il fondo. Adesso, con delicatezza e pazienza, piegare passo a passo tutti i petali verso il centro.

E voilà!

Sabato 17 Novembre 2007

Collana per la spiaggia

Mi mancavano tanti colori di pasta polimerica per andare avanti con i progetti iniziati. Ma questi giorni, sul migliore sito francese di pasta sintetica, ho trovato un tutorial che posso fare senza bianco, nero e marrone. Ecco una collana, direi estiva, che mi sembra simpatica. Ho fatto qualche foto della fabbricazione per fare un mini-tutorial in italiano. Prima di iniziare, ringrazio Vivi per la sua idea originale e la condivisione sulla rete dell’idea stessa.

Clicando sulla prima immagine, si può vedere un diaporama di tutte le foto. Fai un clic sulla destra di ogni foto per passare alla seguente... a sinistra per la precedente!

Tutorial Collana Colorata

Lavorare la pasta di colore neutro (qui, trasparente) fino ad ottenere rotolo. Passare un lungo filo metallico entro il rotolo. Rotolare la pasta con la palma dei mani affine di ottenere un lungo rotolo spesso al centro e più sottile alle estremità. Tenerlo a parte. Preparare dei rotoloni sottilissimi di vari colori assortiti.

Tutorial Collana Colorata

Metterli tutti accanto.

Tutorial Collana Colorata

Passare delicatamente il matterello sopra per unirli. Si ottiene una sfoglia rettangolare. Arrotolare la sfoglia multicolore intorno al rotolo inizialmente preparato. Tagliare l’eccedente di pasta. Rotolare il rotolo per unire tutto e saldare i bordi della sfoglia multicolore.

Tutorial Collana Colorata

Tagliare delle fette sottili (il fatto di aver lasciato il filo metallico permette di conservare il buco.

Tutorial Collana Colorata

Mettere le perline in un tegame. Cuocere a 130° durante 20 min. Lucidare. Infilare le perline su un filo elastico. Ecco una bella collana estiva.

Lunedì 6 Agosto 2007

Organizzata o incasinata?

Laboratorio di fabbricazione

Oggi vi mostro il mio laboratorio di fabbricazione! Infatti non ho la fortuna di avere un posto dedicato dal fai-da-te, allora ecco la tavola della cucina… in modo creazione in corso. Vedrete che non ho acquistato nessun materiale tecnico dedicato alla modellazione.

Il mio laboratorio di bijou

Il mio piano di lavoro è una vecchia rivista ricoperta di un foglia di carta da forno. La rivista protegge il tavolo contro i colpi di taglierino e la carta da forno è pratica. L'ideale sarebbe un supporto liscio e non poroso che si lavora facilmente, come per esempio una piastrella di vetro, di marmo o di pietra.

Il mio laboratorio di bijou

I due strumenti indispensabili secondo me sono il rullo ed il taglierino, rispettabilmente per stendere e tagliare la pasta. Il rullo deve avere le stesse proprietà del piano di lavoro: plastica o vetro sono i più facili da trovare (Il matterello di legno non va bene! La pasta si appiccicherebbe troppo!). Io utilizzo una saliera di vetro… che non mi serve più. Per tagliare la pasta sintetica mi servono una lama acutissima per tagliare delle sfoglie di murrine per esempio e un taglierino con una lama più vecchia per il resto.

Ordinare il suo materiale & Conservare i panetti di pasta

Il mio laboratorio di bijou

Per ordinare il materiale, utilizzo scatole di plastica che recupero: scatole di gelato, di mascarpone, di ricotta o anche barattolo di yogurt. La pasta sintetica si conserva molto tempo, però bisogna prendere qualche precauzione. Non mettere la pasta in contatto con la plastica. Infatti alcuni tipi di plastica vanno bene, come la confezione di origine ; mentre altri fanno sciogliere la pasta, come film trasparente alimentare o bicchieri di plastica. Tenere la pasta fuori della luce. Per quanto riguarda le canne o i rotoloni di murrine, si conservano anche benissimo. Per non rischiare di sformarli con il calore della casa che abbiamo spesso qui nel Sud, li tengo nel frigorifero… i lavori in corso non ancora cotti, pure.

Il mio laboratorio di bijou

E voi? Siete iper-organizzate, con cassetti per ogni colore di pasta, scatole a compartimenti per le perline, ecc?

Venerdì 1 Giugno 2007

Dipingere senza pennello... le murrine fiori

Vi ringrazio tutte per i vostri numerosi commenti su questo blog! Mi fa sempre molto piacere leggerli e risponderli quando posso. Non mi piace sempre dare tutti miei "segreti", di paura che qualcuno mi copiasse... Però spero che la gente è abbastanza creativa per non copiare esattamente ciò che vede su internet o altrove. Una domanda che mi è stata spesso chiesta è: come si fanno i fiori sulle perline rotonde? Si dipingono? No, io non sono tenere un pennello in mano, e meglio non so disegnare. Allora oggi vi offro un tutorial che mi è stato chiesto tante volte: la murrina col fiore.

Bracialetto con le murrine fiori

Avverto: questa tecnica non l'ho inventata io! Avevo già spiegato l'origine di questa tecnica. Ho solo letto molte spiegazioni in inglese e francese... e vi faccio solo una traduzione... con i miei aggiunti personali.

Livello: medio

Materiale:

  • le solite cose (pasta sintetica, marterello, ago, taglierino, ecc)

Clicando sulla prima immagine, si può vedere un diaporama di tutte le foto. Fai un clic sulla destra di ogni foto per passare alla seguente... a sinistra per la precedente!

1. Murrine 01

Scegliere 3 colori abbastanza contrasti (io ho scelto qui il verde scuro per i petali, il verde chiaro per i contorni e l'arancione per lo sfondo).
Lavorare la pasta durante qualche minuta per renderla morbida.
Formare un rotolo di circa un centimetro di diametro col colore dei petali (verde scuro).
Con un taglierino, fare un taglio su tutta la lunghezza del rotolo e di un mezzo centimetro di profondità. Allagare piano piano la fenditura.
Formare un secondo rotolo più sottile col colore dei contorni (verde chiaro) per fare il centro del fiore.
Appoggiarlo sul tavolo e con l'indice di mano, spingere un lato del rotolo, su tutta la lunghezza.
Inserire delicatamente il rotolo sottile nella fenditura del rotolo più grosso. Richiudere il tutto.
Stendere una grande quantità di pasta verde chiaro. Tagliare un rettangolo della lunghezza del rotolo ottenuto e abbastanza largo per circondarlo.

2. Murrine 01

Rotolare questo rotolo con la palma della mano per unire tutto.
Tagliarlo in 5 pezzi uguali (che diventeranno presto i 5 petali del fiore).
Fare un rotolo spesso verde chiaro per la parte centrale del fiore.
Disporre intorno a questo i 5 petali.
Stendere la pasta scelta per lo sfondo. Tagliare dei rettangoli stretti da mettere nel buco tra 2 petali. Quando lo spazio tra i petali è totalmente riempito, tagliare un grande rettangolo arancione per circondare tutto il fiore.

3. Murrine 01

Adesso è la tappa delicata, chiamata "riduzione della murrina". L'obiettivo è di far aderire tutte le parti del fiore, diminuendo il diametro del rotolo-fiore e allungando la sua lunghezza, senza sformare il disegno del fiore (vedi spiegazioni alla fine).

4. Murrine 01

Quando il rotolo ha il diametro desiderato, si può infine scoprire il risultato del suo millefiori.

5. Murrine 01

Con una lama nuova o quasi nuova (di rasoio o taglierino), tagliere delle fette sottile. Le 2 estremità sono sempre sformate, ma il resto dovrebbe rivelare un bellissimo fiore colorato.

6. Murrine 01

Le fettine di murrine si possono mettere su delle paline di pasta sintetica per creare delle carine perline...

7. Murrine 01

Et voilà!

Per ridurre le murrine, esistono 2 tecniche. A te di scegliere quella che ti piace di più...

  • Si può arrotondare il rotolo di pasta, con la palma della mano, però senza mettere troppo pressione. Bisogna pazienza. Alcune persone dicono che con questa tecnica il disegno si sforma, ma non ho mai avuto questo problema.
  • Per la seconda tecnica, bisogna premere il centro del cilindro con l'indice ed il pollice, girare il rotolo, premere il rotolo e cosi via dal centro verso le estremità della murrina. Uno può avere la brutta impressione di sformare il suo (capo) lavoro, però alla fine il risultato è ottimo.

Al solito io inizio con la seconda tecnica e finisco con la prima.

Scopri altri modelli di murrine fiori su:
La rosa di Monica Resta
La matita ricoperta di fiori
The biggest cane I have ever seen!

Se mi mandate le foto dei fiori che avete ottenuto, sarei contente di pubblicarle su questo blog. Potrei creare una nuova rubrica "i vostri lavori"!

Venerdì 27 Aprile 2007

Pasta & Sale

Oggi proverò a scrivere un secondo tutorial, più facile del primo! Si tratta della spiegazione di una tecnica molto semplice per fare delle perline originali con un effetto granuloso, come queste.

Perline al sale

Livello: facile

Materiale:

  • Pasta sintetica
  • Sale
  • Ago

Clicando sulla prima immagine, si può vedere un diaporama di tutte le foto. Fai un clic sulla destra di ogni foto per passare alla seguente... a sinistra per la precedente!

1. Pasta al sale 01

Lavorare la pasta sintetica qualche minuta per riscaldarla ed ammorbidirla. Formare un rotollo e tagliarlo in pezzi uguali.

2. Pasta al sale 02

Formare delle palline del diametro desiderato, svolgendo la pasta tra le 2 palme delle mani parallele. Diminuire la pressione delle mani sulla pasta per ottenere delle palline lisce e regolari. Imbucare le perline con un ago e puoi eventualmente con uno stuzzicadenti (dipendo del tipo di filo che utilizzerai per il montaggio del bijou).

3. Pasta al sale 03

Mettere un cucchiaio di sale su un piattino. [io ho usato il zucchero, ma le perline non sono ancora cotte, non so diventerà caramello!]

4. Pasta al sale 04

Mettere una perlina nel piattino di sale e farla ruotare con l'indice fino a quando sta regolarmente coperta di sale.

5. Pasta al sale 05

Svolgere di nuovo la pasta tra le 2 palme delle mani per far incrostare il sale nella pasta. Più lo fai durante molto tempo, più le tracce lasciate dai granelli di sale saranno profondi. Se lo fai troppo tempo, il sale si incrosta totalmente nella pallina e disparisce della superficie.

6. Pasta al sale 06

Verificare che il buco non si sia sformato. E ricominciare con tutte le palline.

Come al solito, le perline si mettono su una foglia di carta al forno appoggiata in un tegame. Mettere il tutto nel forno pre-scaldato a 130° durante 20 minuti circa. E mettere le perline sotto l'acqua calda per far fondere il sale che rimane. Non esitare a lasciare un commento. Se hai provato, riuscito o no...

Giovedì 21 Dicembre 2006

Confezioni in origami per Natale

Ecco un’idea utile per questo periodo natalizio : tutte le spiegazioni per realizzare una confezione regalo.

confezione regalo fatta a mano confezione regalo fatta a mano

Ho provato di fare questa scatola originale per dei gioielli per Natale. In forma di fiore, si apre e si richiude facilmente ! Ho trovato le spiegazioni su un sito francese di scrapbooking.

Copiare il modello su un foglio di cartoncino (clicca sul disegno che trovi sul sito per aggrandirlo). Tagliare con dei forbici sulle line piene e piegare il cartoncino (aiutarsi di un vecchia penna senza inchiostro). Decorare la scatola. Incollare la parte “A” sotto la “a” per formare i lati della scatola. Poi incollare “B” sotto “b” etc per chiudere il fondo. Adesso, con delicatezza e pazienza, piegare passo a passo tutti i petali verso il centro.

E voilà!

Martedì 17 Ottobre 2006

Mokume Gane o Millefoglie Metallico

Parure Precious

Queste perline hanno l’aspetto di un millefoglie di colori e argento. Non vi presento la ricetta del dolce, ma una tecnica di paste sintetiche. Il suo nome scientifico è Mokume Gane, è una vecchia tecnica giapponese di lavorazione dei metalli… che si può anche applicare all’argilla polimerica. Ecco le spiegazioni!

Livello: intermediario

Materiale:

  • Pasta sintetica (almeno 1 trasparente + 3 colori),
  • Sfoglia d’argento o simile-argento - sottilissima foglia metallica (non è Decopatch),
  • Taglierino,
  • Matterello o macchina per la pasta (che non utilizzi mai più per il cibo),
  • Un pennello pulito,
  • Un oggetto incurvato (per esempio, un scatola di plastica per pellicola foto).

Clicando sulla prima immagine, si può vedere una presentazione di tutte le foto. Fai un clic sulla destra di ogni foto per passare alla seguente... a sinistra per la precedente !


1. Mokume Gane 01

Scegliere almeno 3 colori di pasta sintetica – contrastati ma armoniosi – e la pasta trasparente. Lavorare la pasta per ammorbidirla. Formare dei rollini con ogni colore (io ho fatto 6 rollini di circa 10 cm di lunghezza, 0,5 cm di diametro e con i colori seguenti: 1 rosso + 1 arancione + 1 giallo + 1 marrone + 2 trasparenti).

2. Mokume Gane 02

Fare un rollo grosso con tutti rollini piccoli.

3. Mokume Gane 03

Con delicatezza, tenere ogni estremità del rollo e girare le mani nel senso opposto per vedere apparire un tipo di treccia.

4. Mokume Gane 04

Far rotolare il rollo intrecciato con la palma delle mani per unificare e lisciare i diversi rollini. In conseguenza, si allunga.

5. Mokume Gane 05

Ripetere il passo 3: fare una treccia.

6.

Mokume Gane 06

Ripetere rispettivamente il passo 4: far rotolare il rollo.

7. Mokume Gane 07

Piegare in due il rollo lungo ottenuto. E ripetere il passo 3: fare una treccia.

8. Mokume Gane 08

Ripetere il passo 4: Far rotolare il rollo.

9. Mokume Gane 09

Ripetere il passo 7: piegare il rollo.

10. Mokume Gane 10

Ripetere il passo 3: fare una treccia.

11. Mokume Gane 10

Fare una pallina con tutta la pasta.

12. Mokume Gane 12

Lavorare la pasta con la palma delle mani per formare una bella pallina liscia...

13. Mokume Gane 13

... come questa!

14. Mokume Gane 14

Stendere la pallina con un matterello o la macchina per la pasta...

15. Mokume Gane 15

...per trasformarla in una sfoglia sottile.

16. Mokume Gane 16

Prendere precauzionalmente una foglia d’argento.

17. Mokume Gane 17

Appoggiarla sulla sfoglia di pasta ed utilizzare il pennello per togliere le bolle d’aria.

18. Mokume Gane 10

Con il taglierino, tagliare gli eccedenti di argento.

19. Mokume Gane 19

Tagliare dei rettangoli nella foglia di pasta.

20. Mokume Gane 20

Superposare tutti i rettangoli, come un millefoglie. Si può anche utilizzare le cadute di pasta – eventualmente tagliate per un migliore aggiustamento – per formare uno o due rettangoli in più..

21. Mokume Gane 21

Passare uno o due colpi di matterello per far aderire i diversi strati.

22. Mokume Gane 22

Per evitare di avere un risultato troppo regolare – e noioso ? – si sforma un po’ gli strati facendo delle incruzioni nella pasta. Io ho utilizzato uno strumento di lavorazione dell’argilla. Ma puoi fare dei buchi con il buco di legno del tuo pennello, delle strisce con una tessera di plastica, ecc...

23. Mokume Gane 10

Con le mani, modellare la pasta per chiudere i buchi e formare di nuovo un rettangolo.

24. Mokume Gane 10

Appoggiare il rettangolo di pasta su una superficie curva che non tema il taglierino. Io ho utilizzato una scatolina di pellicola foto. L’obiettivo è di far aderire la pasta che si taglierà più facilmente con un movimento curvo della lama di taglierino.

25. Mokume Gane 10

Tagliare...

26. Mokume Gane 10

...delle fettine sottili...

27. Mokume Gane 10

...di pasta.

28. Mokume Gane 10

Utilizzare questi pezzettini di pasta per ricoprire oggettini: una pallina per fare una perlina, una piastra per fare un ciondolino, ecc.

29. Mokume Gane 10

Non dimenticare di imbucare le perline con un ago e puoi eventualmente con un stuzzicadenti!

Come al solito, le perline si mettono su una foglia di carta al forno appoggiata in un tegame. Mettere il tutto nel forno pre-scaldato a 130° durante 20 minuti circa. Sembra che tuffare le perline nell’acqua ghiacciata dia più trasparenza alla pasta... non ho mai provato, e te?

Non esitare a lasciare un commento ! Se hai provato, riuscito o meno… E’ solo il mio primo tutorial che scrivo!